L’anatocismo è un fenomeno comune solo per i piani di ammortamento francesi tradizionali?

L’anatocismo è un fenomeno comune solo per i piani di ammortamento francesi tradizionali?

Set 4, 2014

Recentemente, si sta tanto parlando di anatocismo per i piani di ammortamento francesi  tradizionali, proponendo come alternativa migliore il rimborso all’italiana con capitalizzazione semplice.

Ma che cosa è l’anatocismo? E’ il cosiddetto fenomeno degli “interessi sugli interessi”, alla base dell’applicazione del regime di capitalizzazione composta.

Facendo un ragionamento per unità di capitale:

M = C (1+i)  ove n è l’esponente pari a 1 annualità per un tasso espresso in termini annuali

(1+i) è il fattore di capitalizzazione che consente di giungere, ad es., a partire da una grandezza iniziale finanziata al montante da restituire

Ora, in un piano di rimborso, non è così semplice e le formule applicate sono molto più complesse e differenziate, a seconda dei metodi utilizzati. Neanche i simulatori molte volte riescono a cogliere con precisione ed esattezza la rata da rimborsare. Lo studio scolastico delle basi fondamentali di matematica finanziaria e del funzionamento standard di un piano di rimborso non ci conducono spesso verso la totale conoscenza di ogni piccola variante operativa che comporta delle diverse procedure di calcolo, e pur utilizzando i tanti schemi pre-impostati su Excel presenti sulla rete.

Paradossalmente, a parità di altre condizioni finanziarie, il risparmio di interessi comparato tra i due regimi ed i due piani di ammortamento finirebbe con l’essere di qualche decina di euro per ogni periodicità. Come al solito, scatterà la solita reazione: “Io con 10 euro ci metto la benzina”. Ora, neanche quella.  Solo per dire che talvolta si dà molta più importanza ad una tematica, inevitabilmente acclamata da tutti come il necessario cambiamento. Quindi, prudenza.

Tornando alla logica della capitalizzazione, a parità di unità di anno, il fattore di capitalizzazione finirà con l’essere:

(1+it) che corrisponde con t=1 con (1+i) elevato a t=1

Per t=2, si coglie la differenza:

1+2i non corrispondente a (1+i) (1+i)

Da una parte si ragiona in termini lineari. Dall’altra in termini esponenziali.

Quindi, dove vi è anatocismo, tanto avversato dalla giurisdizione? Non certo solamente nel rimborso alla francese. Ma anche in altre modalità di rimborso. E come non dimenticarsi delle fasi in cui l’anatocismo bancario era l’argomento caldo del giorno, considerando il fenomeno della capitalizzazione trimestrale degli interessi sul conto corrente?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *